Mostra tutto

Salute, scuola e Covid

La rilevazione della temperatura a scuola può essere migliorata?

Scuole aperte, scuole chiuse e DAD sono tra i principali tormentoni dell’epoca Covid. Il tema è delicato e per il momento non vi sono ancora soluzioni stabili. Il tema fondamentale è sempre quello: la sicurezza. La domanda che ci poniamo noi di smarttrackerkids è: siamo sicuri di utilizzare tutti gli strumenti per la migliore sicurezza possibile?


Non discutiamo sull’utilità delle mascherine e sulle direttive per quanto riguarda il distanziamento sociale. Piuttosto avremmo da ridrire qualcosa riguardo alle procedure di misurazione della temperatura prima dell’ingresso nell’edificio scolastico. Molto banalmente le misurazioni prese in questo modo possono essere falsate per diversi motivi, tra cui:

  • la temperatura rigida esterna può raffreddare la fronte dei bambini e dare false rilevazioni;
  • un cappello troppo caldo potrebbe surriscaldare la fronte e dare ugualmente indicazioni sbagliate;
  • si è completamente trascurato il cosiddetto “effetto tachipirina”. In pratica un bambino che potenzialmente potrebbe avere qualche linea di febbre, grazie a questo effetto, non ne mostrerebbe per qualche ora. Il problema è che potrebbe manifestare dei sintomi qualche ora dopo a scuola.

Per questo motivo abbiamo sviluppato la rilevazione della temperatura da remoto. In pratica il genitore può controllare la temperatura del bambino dal suo Smartphone quando vuole. Può addirittura impostare gli intervalli di tempo per la misurazione (ad esempio ogni ora). In questo modo può rimanere aggiornato sempre sulle condizioni di salute del bambino e intervenire tempestivamente in caso di problemi.

non solo…

siamo pronti anche a gestire un progetto scolastico. Possiamo mettere a disposizione un App manager (un gestionale che può gestire oltre 50 dispositivi contemporaneamente) che consenta il monitoraggio da desk di tutti gli studenti che indossano il nostro Smartwatch. Chiaramente i dati sarebbero visibili solo alle persone incaricate del monitoraggio (ad esempio il dirigente scolastico.)

In questo caso le eventuali anomalie verrebbero gestite in real time tramite le vigenti procedure sanitarie.

Il nostro obiettivo è quello di fornire una soluzione concreta ad un problema reale.

Secondo noi la critica fine a sé stesse non porta giovamenti e crescita a nessuno. Siamo convinti invece del fatto che sia molto più produttivo far seguire ad una critica una soluzione.

E questa ci sembra un’ottima soluzione.